In che modo la psicoterapia può aiutarti con Burnout (Esaurimento lavorativo)?

La sindrome da esaurimento lavorativo, come gli altri disturbi, non arriva senza preavviso. E’ attratta da persone che sono determinate a spendere tutte le loro energie per il bene degli altri, idealisti che hanno grandi esigenze e anche grandi aspettative. Perfino quelli che vogliono solo fare un buon lavoro, ma non hanno ancora imparato a chiedere aiuto. Burnout è quindi sinonimo di perdita di equilibrio che è scomparso dalle nostre vite in nome di ciò che ancora dobbiamo fare. Se ti riconosci anche parzialmente in questa descrizione, metti da parte i tuoi doveri per un momento e diventa tu stesso una priorità.

Che cos’è la sindrome da burnout?

La sindrome da burnout occupazionale è una condizione insidiosa nel suo insorgere graduale, simile allo stress cronico. Si sperimenta come una spiacevole sensazione di esaurimento, che può gradualmente diventare anche fisica. Di solito si svolge in diverse fasi. Dalla sensazione di dover fare del proprio meglio per portare a termine il lavoro in tempo e nel modo corretto, attraverso stati di ansia quando ci si rende conto che le proprie aspettative non sono realistiche e il lavoro svolto non viene nemmeno adeguatamente ricompensato, fino a stati di irritabilità, sentimenti di delusione e perdita di significato nei confronti di tutto.

 

Come faccio a sapere che soffro della sindrome da burnout?

I primi sintomi possono essere poco appariscenti – stanchezza, difficoltà occasionale ad addormentarsi, e ogni tanto il manifestare la mancanza di voglia di recarsi al lavoro per qualche giorno. Se sei sensibile, potresti già cambiare qualcosa nella tua vita in questo momento. Perché la fase successiva del burnout è accompagnata da cambiamenti di umore, diminuzione del rendimento e della concentrazione, depressione e ansia e, secondariamente, problemi nelle relazioni e diminuzione della fiducia in se stessi.

Esistono anche dei test per il burnout. Puoi metterti alla prova usando dei questionari self-service, che sono disponibili su Internet. La loro valutazione è semplice e il risultato è solo indicativo. Una diagnosi psicologica professionale richiede un’intervista, un’anamnesi e altri test più complessi.

Posso esaurirmi anch’io? Chi è più a rischio di burnout?

La sindrome del burnout è più spesso associata alle professioni di aiuto (medici e professionisti della salute) sono a rischio anche le professioni con un alto livello di stress e responsabilità (manager) o quelle che prevedono molto lavoro con le persone (insegnanti). In realtà, però, l’impatto della sindrome da burnout è molto più ampio. Per esempio, le donne in congedo parentale o le persone che hanno semplicemente aspettative troppo alte verso se stessi. Sono proprio le aspettative non soddisfatte che portano alla perdita delle illusioni, alla perdita di motivazione e a lungo andare influiscono sullo sviluppo della sindrome.

hedepy-jana-2-w

Come posso prevenire il burnout?

Una prevenzione efficace consiste nel concentrarsi sul proprio rapporto con il lavoro (studio, vita, relazioni). Renditi conto delle tue aspettative e fissale in modo realistico. Questo ridurrà anche il rischio di investire troppe energie nel lavoro e di lavorare oltre le proprie possibilità. Aiuterà anche a perseguire i propri interessi, compresa la vita sociale. Questo darà alla tua vita un’altra dimensione ed eviterai l’esaurimento che spesso si verifica quando ci si concentra su una cosa per molto tempo. Anche in questa fase di prevenzione, una consultazione con uno psicoterapeuta o un coach è una buona scelta. Non si parla di un trattamento classico, ma del cosiddetto sviluppo personale.

 

Cosa fare se soffro della sindrome da burnout?

Se stai già affrontando le conseguenze del burnout, non farlo da solo. Le possibilità della consulenza psicologica e della psicoterapia sono ormai a disposizione di tutti. Ti aiuteranno a uscire dal circolo vizioso di autocelebrazione e di esaurimento che ne è derivato.

 

Come può la psicoterapia aiutarmi con il burnout?

La psicoterapia è lo spazio per te. La tendenza a dedicare il proprio spazio agli altri contribuisce spesso alla sindrome del burnout. Questo è anche il motivo per cui le professioni d’aiuto sono così vulnerabili in questo senso. Dare il massimo e magari sperare che qualcuno lo apprezzi. Oppure soccombere alla sensazione che sono solo io, che posso meglio decidere, fare, finire. La psicoterapia può affrontare i tuoi schemi di pensiero subconsci, in modo che tu possa valutare da solo se è opportuno mantenerli o stabilire un nuovo ordine.

La storia reale di un cliente e di come la terapia lo ha aiutato:

“Ho smesso di godermi il lavoro, ero irritato ed esausto, non volevo andarci, la mia famiglia ne stava facendo le spese e sono stati loro ad organizzare una terapia per me. Ho scoperto che stavo vivendo la sindrome del burnout. Grazie al terapeuta, ho capito cosa era più estenuante del mio lavoro e ho trovato il coraggio necessario per chiedere al mio superiore un cambiamento. Sono passata dal lavoro al pronto soccorso al reparto di cure prolungate, dove c’è più pace e mi sento più utile. I sentimenti di stanchezza e irritabilità sono scomparsi. Ho un nuova voglia per il lavoro e più hobby nel tempo libero. Se avessi saputo che bastasse così poco per migliorare la mia vita, l’avrei fatto molto tempo fa.”

Prova la psicoterapia con una videochiamata

Non importa dove sei.
Amanda Bailot (1500+ ore di pratica)
RELAZIONI GENITORIALITÀ TRAUMA PROBLEMI ALIMENTARI
Formazione terapeutica verificata
„Di relazioni ci si ammala, di relazioni si guarisce.“
39 EURO / appuntamento
Valentina Ambrosio (10000+ ore di pratica)
ANSIA RELAZIONI AUTOSTIMA E CONCETTO DI SÉ LUTTO
Formazione terapeutica verificata
„Ogni evento, anche il più doloroso, nasconde il seme dell’opportunità e del cambiamento. Nulla accade a caso!“
49 EURO / appuntamento
Paola Pepe (1000+ ore di pratica)
DEPRESSIONE ANSIA RELAZIONI INSONNIA
Concludendo la formazione in psicoterapia
„Sono qui per aiutarti e insieme troveremo una soluzione.“
39 EURO / appuntamento